• domenica 21 luglio 2019

L’AVVELENATA | No-Eni occupato Comune a Crotone

adminwp
marzo03/ 2014

crotone veleni

Il Comune di Crotone è stato occupato e sono state chieste con un enorme striscione le dimissioni del sindaco Peppino Vallone. A mettere in opera la protesta gli attivisti che da circa un mese stazionano nei pressi della centrale Eni di località Passovecchio chiedendo la bonifica dai veleni della zona. I manifestanti sollecitano l’Eni, attuale proprietaria delle grandi aree sulle quali sorgevano le grandi industrie crotonesi, ad una bonifica integrale “seria e complessa” dei siti dismessi, visto che quella in corso è da loro ritenuta insufficiente. Altro obiettivo è chiedere anche un tavolo di concertazione con Eni anche allo scopo di discutere sull’utilizzazione dei 56 milioni di euro che Syndial (che del gruppo Eni fa parte) è stata condannata a pagare dal Tribunale Civile di Milano alla Presidenza del Consiglio dei ministi e al Ministero dell’Ambiente come risarcimento del danno ambientale derivante dalla lunga presenza sul territorio delle grandi industrie chiuse ormai da tempo.

Io da qui non mi muovo. Stiamo facendo una cosa importante per la città” ha dichiarato Pietro Infusino, uno dei circa cinquanta manifestanti che hanno occupato la casa comunale e che domani incontreranno il prefetto, al quale sostanzialmente chiedono di poter formare un tavolo di discussione con tutti gli operatori del settore e le istituzioni per discutere del mancato piano di sviluppo e delle mancate procedure di bonifica, ecco la lettera indirizzata al prefetto:

crotone lettera

crotone lettera 2

 

adminwp

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>