• venerdì 19 aprile 2019

«DOLCENERA»| La Locride alluvionata e l’asilo al di là del fiume

thumb_DSCF1289_1024
alfredo sprovieri
alfredo sprovieri
novembre16/ 2015

di S. Alfredo Sprovieri

Dove muore la statale della morte è un via via di persone. Alla spicciolata inizia quanto all’alba manca, ma l’ora di punta è per l’apertura del polo scolastico rimasto al di là del fiume.

«Abbiamo sognato a lungo un’isola pedonale, ora ce la godiamo».

Le piogge torrenziali hanno spazzato via tutto, ma non l’ironia. La fila di viandanti che ogni mattina attraversa i ponti della SS106 chiusa al traffico dopo la violenta precipitazione del weekend di Ognissanti dopo dieci giorni si è assottigliata al minimo, il ritorno alla normalità è vicino.

 

Siamo nella vallata dell’antica Kaulon, fondata dagli Achei. Qui le alluvioni sono particolari; due anni fa oltre tremila anni di storia si sono salvati per miracolo quando le violente mareggiate non inghiottirono per un pelo reperti archeologici inestimabili; stavolta la furia degli elementi si è scatenata sui presidi dello Stato, stritolando le sottili lingue d’asfalto e cicatrici di ferro che lo Stato ha lasciato a timida testimonianza del suo passaggio. Lungo la Statale Peppe ha poca voglia di raccontare le barzellette per cui è famigerato in paese raccoglie le pietre venute giù dalla montagna e le ripone nel cofano della sua utilitaria. Ha un fondo agricolo poco distante e se aspetta che chi di dovere lo faccia al posto suo le piantagioni rischiano di andare in malora. Il ponte sul torrente Allaro a Caulonia è un nodo di collegamento fondamentale per lo sperone dello Stivale. Non ce l’ha fatta a reggere, e dopo la demolizione della carreggiata franata è stato aperto al solo transito pedonale per circa dieci giorni, in attesa di un parziale ripristino della circolazione dei mezzi avvenuto nella mattina di venerdì 13Maria fa la maestra e lo ha percorso tutte le mattine insieme alle sue colleghe. Dall’altra parte c’è l’asilo, sgomberato per motivi di sicurezza. «Nei primi giorni abbiamo provato a fare la strada alternativa, ma c’è voluto poco a capire che era meglio farsela a piedi». Il percorso accidentato infatti è ambientazione del video virale di una macchina in fiamme. Apparteneva ad una donna che affrontandolo per raggiungere il Tribunale di Locri è finita in una voragine al centro della carreggiata. Così «l’isola pedonale» affacciata sul disastro è stata preferita dalle famiglie che devono raggiungere le scuole rimaste aperte. Le si vede passeggiare mano nella mano, a scambiarsi il buongiorno e ad affacciarsi sui detriti.

Fra loro il gruppo di insegnanti dell’asilo sgomberato, sono tutte donne. «Ogni mattina mettiamo negli scatoli il materiale che finirà nella nuova struttura che ci hanno assegnato», è poche centinaia di metri distante. «Siamo preoccupate, perché i bambini non sono pacchi. Una volta ripartite le lezioni bisognerà fargli superare il trauma, accoglierli in uno spazio sicuro anche e soprattutto per la loro mente». Alcuni li incontra intenti a giocare nei cortili delle abitazioni vicine, sgomberate per il cedimento parziale delle mura di cinta. La terra è gonfia e sembra voler esplodere, prima o poi verrà giù tutto e questo gli abitanti lo sanno. Le mamme cercano di recuperare la vita negli appartamenti precari, raccontano del terribile boato del fiume mentre con un occhio controllano la strada e con un altro il cielo, di nuovo minaccioso. «E’ proprio dai bambini che bisogna ripartire. Quando riapriremo proveremo a spiegarli che non è la natura da temere, ma la cattiva mano dell’uomo, gli racconteremo che le frane non sono altro che il modo in cui nascono le spiagge dove si va a giocare d’estate, che i fiumi si arrabbiano e si prendono le case perché non ci prendiamo cura di loro». La mattina corre e le ore si fanno più calde. Dopo le ultime verifiche intanto, il ponte è pronto a riaprire ai veicoli. Code di macchine e tir incolonnati si contendono l’unica carreggiata a senso alternato da un semaforo. Anche la ferrovia distrutta è stata ripristinata, stavolta con tempi giapponesi più che calabri. Lo Stato ha riaperto le sue vie di fuga, ma è una fuga da se stesso. Un’unica littorina a gasolio inizia a procedere sul mono binario, a velocità ancora più ridotta del solito. Anche l’asilo riaprirà a breve ma ospedali, tribunali e aeroporti restano ancora molto al di là del fiume.

alfredo sprovieri
alfredo sprovieri

Un po' di tv e molta carta stampata in una vita redazionale precedente. Ogni tot scribacchino per le grandi testate italiane. Più montano che mondano, per Mimesis edizioni ha scritto "Joca, il Che dimenticato".

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>