• giovedì 21 febbraio 2019

FACEBOOK | «Caro Zuckemberg, così stai limitando la libertà del mondo»

mmasciata
mmasciata
dicembre14/ 2016

Caro Mark Zuckerberg,

ti seguo su Facebook, ma tu non mi conosci. Sono redattore capo del quotidiano norvegese Aftenposten. Per essere onesti, non mi illudo che leggerai questa lettera. Il motivo per cui devo fare questo tentativo, però, è che sono sconvolto, deluso – beh, in realtà anche impaurito – di ciò che si sta facendo ad un pilastro della nostra società democratica.

Poche settimane fa l’autore norvegese Tom Egeland ha postato un articolo su Facebook con sette fotografie che hanno cambiato la storia della guerra. Facebook ha rimosso l’immagine di una bambina nuda in fuga dalle bombe al napalm – una delle fotografie di guerra più famose del mondo. Tom ha criticato questa decisione e Facebook ha reagito bloccandolo e impedendogli di scrivere un altro post.
Ascolta, Mark, questo è grave. In primo luogo si creano regole che non distinguono tra la pornografia infantile e famose fotografie di guerra. Poi si mette in pratica queste regole senza permettere spazio al buon senso. Infine si censurano le critiche e una discussione in merito alla decisione – punendo la persona che osa esprimere critiche.

fb-after-poften
La prima pagina dell’Aftenpoften dedicata a Facebook

 

Facebook è per il piacere e beneficio di tutto il mondo, me compreso, su una serie di livelli. Io stesso, per esempio, rimango in contatto con i miei fratelli attraverso un gruppo chiuso centrato su nostro padre, che ha 89 anni. Giorno dopo giorno condividiamo le gioie e le preoccupazioni.
Facebook è diventato una piattaforma leader mondiale per la diffusione di informazioni, per il dibattito e per le relazioni sociali tra le persone. Hai guadagnato questa posizione perché te lo meriti.

Ma, caro Mark, tu oggi sei l’editore più potente del mondo.

Anche per un giornale importante come Aftenposten, Facebook è difficile da evitare. In realtà non abbiamo voglia di evitarlo, perché ci sta offrendo un grande canale per distribuire i nostri contenuti. Tuttavia, anche se sono redattore capo del più grande giornale della Norvegia, devo capire che si sta limitando la mia responsabilità editoriale. Questo è ciò che voi ed i vostri collaboratori state facendo in questo caso. Penso che stiate abusando del vostro potere, e trovo difficile credere che ci avete pensato in modo accurato.

Torniamo alla foto che ho citato. La napalm-girl è di gran lunga la fotografia più iconica della guerra del Vietnam. I media hanno giocato un ruolo decisivo nel riportare storie diverse sulla guerra. Hanno portato un cambiamento di atteggiamento che ha svolto un ruolo nel porre fine alla guerra. Essi hanno contribuito ad un dibattito più critico più aperto. Così deve funzionare una democrazia.
I mezzi di comunicazione liberi e indipendenti hanno un compito importante nel portare le informazioni, anche comprese le immagini, che a volte possono essere sgradevoli, e che la classe dirigente e forse anche i cittadini comuni non possono sopportare di vedere o sentire, ma che potrebbe essere importante proprio per questo motivo.

«Se la libertà significa qualcosa», scrisse il britannico George Orwell nella prefazione a “La fattoria degli animali”, «significa il diritto di dire alla gente ciò che non vuole sentire».

I media hanno la responsabilità di prendere in considerazione la pubblicazione in ogni singolo caso. Questa può essere una pesante responsabilità. Ogni editore deve pesare i pro e i contro. Questo diritto e dovere, che tutti gli editor del mondo hanno, non dovrebbe essere minata da algoritmi di codifica nel vostro ufficio in California.

Mark, ti prego di provare a immaginare una nuova guerra in cui i bambini saranno le vittime di bombe a botte di gas nervino. Volete ancora una volta oscurare la documentazione della crudeltà solo perché una piccola minoranza potrebbe eventualmente essere offeso da immagini di bambini nudi, o perché una persona pedofilo da qualche parte potrebbe vedere l’immagine come pornografia?
La mission di Facebook afferma che il vostro obiettivo è quello di “rendere il mondo più aperto e connesso”. In realtà ciò si sta facendo in un senso del tutto superficiale.
Se non vuoi distinguere tra la pornografia infantile e fotografie documentarie da una guerra, il tutto sarà semplicemente promuovere la stupidità, senza riuscire a portare gli esseri umani più vicini gli uni agli altri.

Pretendere che è possibile creare regole globali comuni per quello che può e ciò che non può essere pubblicato, getta solo polvere negli occhi della gente. Facebook è un bel canale per le persone che desiderano condividere video musicali, cene di famiglia e altre esperienze. Su questo piano si sta portando la gente più vicini gli uni agli altri. Ma se si desidera aumentare la reale comprensione tra gli esseri umani, devi offrire maggiore libertà al fine di soddisfare l’intera larghezza delle espressioni culturali e discutere le questioni sostanziali.

E poi si deve essere più accessibile. Oggi, se è possibile a tutti di entrare in contatto con un rappresentante di Facebook, il meglio che si può sperare di ottenere in breve sono risposte formalistiche, con riferimenti alle rigide regole e linee guida universali. Se ci si prende la libertà di sfidare le regole di Facebook – come abbiamo visto – si verrà puniti con la censura. E se qualcuno protesterà contro la censura, sarà punito con l’esclusione, come è stato per Tom Egeland.
Avrei potuto continuare, Mark, ma mi devo fermare a questo punto. Ho scritto questa lettera perché sono preoccupato che il mezzo di comunicazione più importante del mondo sia limitante per la libertà mentre dice di cercare di estenderla, e che questo accade di tanto in tanto in modo autoritario. Ma sto anche scrivendo – e spero si capisca – perché ho un atteggiamento positivo verso le possibilità che Facebook ha aperto. Spero solo che si utilizzino tutte queste possibilità in un modo migliore.

Cordiali saluti,

Espen Egil Hansen
Editor-in-chief e CEO Aftenposten

 

PS. Allego un commento del fumettista 73enne Inge Grødum di Aftenposten alla censura praticata da Facebook. Che dice l’algoritmo? Così potrebbe andare?

fb-censura

mmasciata
mmasciata

Il collettivo Mmasciata è un movimento di cultura giovanile nato nel 2002 in #Calabria. Si occupa di mediattivismo: LA NOSTRA VITA E' LA NOTIZIA PIU' IMPORTANTE.

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>