• sabato 23 giugno 2018

MUSLIM BAN | C’era una volta in America

NEW YORK, NY - JANUARY 29:  People attend an afternoon rally in Battery Park to protest U.S. President Donald Trump's new immigration policies on January 29, 2017 in New York City. Trump's executive order on immigration has created chaos and confusion among many Muslims as it temporarily bars citizens from seven largely Muslim countries, as well as all refugees, from entering the U.S.  (Photo by Spencer Platt/Getty Images)
alfredo sprovieri
alfredo sprovieri
gennaio30/ 2017

AGGIORNAMENTO | (31 gen.) Gli ordini di The Donald non si discutono, proprio come nel suo reality show. La ministra ad interim della Giustizia degli Stati Uniti d’America Sally Yates è stata rimossa dall’incarico dopo aver ordinato ai legali del suo dipartimento di non difendere il decreto sull’immigrazione in tribunale. “Ha tradito il dipartimento di Giustizia rifiutando di attuare un ordine messo a punto per difendere i cittadini americani”, ha affermato la Casa Bianca. Al suo posto Donald Trump ha nominato Dana Boente, procuratore per il distretto orientale della Virginia, che ha subito affermato di essere pronta ad applicare il decreto immigrazione e, riferisce una nota, ha dato istruzioni agli uomini e alle donne del dipartimento della giustizia “di fare il loro dovere e di difendere gli ordini del nostro presidente”.

__________

Proviamo a riassumere: insieme a decine di migliaia di cittadini assiepati nelle piazze di mezzo mondo, l’Onu l’ha definito “illegale e meschino”, i procuratori di 16 stati lo hanno bollato come incostituzionale, la commissione europea se n’è dissociata apertamente e persino il dollaro e le grandi corporazioni hanno dimostrato di non gradirlo. Eppure quello svitato di Donald Trump non sta facendo altro che applicare una versione annacquata del suo isterico programma elettorale. Andiamo a ritroso. Già pochi giorni dopo l’elezione il Telegraph faceva notare che l’idea di vietare ai musulmani di entrare negli Stati Uniti, annunciata in pubblico dal miliardario dopo un attentato, era stata rimossa dal sito web della campagna di Donald Trump. Un intento che oggi ritroviamo in linea con l’atto con cui ha concluso la sua prima settimana da presidente, stoppando a tempo indeterminato gli ingressi dalla Siria, bloccando per 120 giorni i programmi per rifugiati e per 90 giorni l’ingresso negli Usa di cittadini di sei Paesi a maggioranza islamica: Libia, Iran, Iraq, Somalia, Sudan e Yemen.

I tanto odiati media l’hanno ribattezzato “Muslim Ban”, misure anti-terrorismo che superano di gran lunga quelle applicate all’indomani dell’11/9 e che fanno discutere anche perché risultano arbitrarie, contro cittadini di paesi che negli ultimi 20 anni non sono mai risultati pericolosi per il suolo americano. Nessuno dei circa 20 atti di terrorismo di matrice islamica compiuti negli Usa dal 2001 a oggi ha infatti coinvolto rifugiati o cittadini di quei sette stati.

trumpgif
FOCUS POTUS Allora perché creare il caos che ha paralizzato gli aeroporti di mezzo mondo e portato in tempi brevissimi la sua presidenza al record di impopolarità (una cifra nei sondaggi, quella del 51%, che George Bush jr aveva raggiunto in tre anni di presidenza)?  Gli analisti americani, per capirlo, stanno cercando di concentrarsi su colui che è ritenuto responsabile di questo atto senza precedenti. Si tratta di Steve Bannon, il 63enne esperto di media estremisti che ha condotto la campagna elettorale di Trump e che ora alla Casa Bianca siede sulla poltrona di consigliere strategico nel Consiglio per la Sicurezza Nazionale da cui sono stati invece esclusi il capo degli Stati Maggiore e il direttore dell’Intelligence Nazionale (anche questa una scelta senza precedenti). Difficile capire dove voglia davvero andare a parare la provocatoria azione di un uomo che da sempre si è dimostrato abituato a sorprendere nel segno della xenofobia. forse però c’è da sapere che con uffici a Berlino, Londra e Parigi a sostegno di leader populisti e di destra come Marine Le Pen, Bannon ha aperto qualche anno fa anche un ufficio a Roma guidato da Thomas Williams, un ex sacerdote. Clienti della Bannon&Co sono stati anche Silvio Berlusconi e il principe saudita Talal al Waleed, e su quest’ultimo più di un osservatore fa notare che negli Emirati Arabi  – da cui, per capirci, provengono la quasi totalità degli attentatori alle torri gemelle – balzano all’occhio i miliardari affari della galassia Trump (otto compagnie alberghiere registrate in Arabia Saudita) ma anche le due torri residenziali extralusso edificate in Turchia, gli interessi commerciali in Egitto e in Indonesia. (La gif è di Brendan Lynch per l’homepage del Boston Globe)

Interessi commerciali che non riguardano naturalmente solo il cerchio di Trump, ma gran parte delle elités miliardarie che ne hanno appoggiato un’elezione presentata agli americani delusi come anti-establishment. Insomma, un provvedimento fatto a misura, che colpisce paesi dove non ci sono troppi interessi da penalizzare e offre, servito insieme al muro per il confine meridionale, una prelibatezza alla brontolante pancia dello Zio Sam. In attesa di sapere se e come verrà digerito, sappiamo intanto che ai confini settentrionali il vicino premier Justin Trudeau ha fatto sapere al mondo che nel vicino Canada i rifugiati saranno sempre benvenuti. La risposta non si è fatta attendere: in serata in una moschea a Qebec City hanno aperto il fuoco sulla folla riunita in preghiera, riuscendo ad uccidere otto persone. Secondo le testimonianze riportate dai media, l’attentatore, individuato in uno studente universitario con gli occhi chiari e fan sui social di Trump e LePen, avrebbe inneggiato ad Allah prima di sparare. Accertata la morte di due algerini, di un marocchino, di un tunisino e di due cittadini di un altro paese africano, di età compresa tra 35 e 70 anni.

Ancora una volta nella narrazione e nell’equazione fra immigrati e terroristi più di qualcosa non torna.

alfredo sprovieri
alfredo sprovieri

Un po' di tv e molta carta stampata in una vita redazionale precedente. Ogni tot scribacchino per le grandi testate italiane. Più montano che mondano, per Mimesis edizioni ha scritto "Joca, il Che dimenticato".

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>