• sabato 4 Dicembre 2021

Come urlano ‘sti Enotri!

admin
Luglio24/ 2012

1. urlo degli enotri

Brunori S.a.S, Clementino, Zen Circus, Colapesce, Kalafro, Teatro degli Orrori . Come urlano gli Enotri, si sente anche da qui. In Calabria non mancano le buone iniziative, dargli evidenza è impossibile e non si capisce se si sta più angusti nelle caselle mail fra i comunicati dello stesso argomento, o proprio nei comunicati stessi, fra un aggettivo e un altro. Poi c’è qualcuno che comunica qualcosa che funziona in modo che funziona, e decidi di scriverle due righe. Inutili, che di fatto una notizia un po’ originale non ha bisogno di alcun giornale. All’estremo nord della costiera tirrenica cosentina giovedì 26 luglio 2012 parte “L’Urlo degli Enotri”, organizzato dall’omonima associazione, nata grazie a un’idea di alcuni ragazzi e che ha preso forma grazie alla piena disponibilità, all’entusiasmo contagioso e all’amicizia sincera del famoso musicista Roy Paci.

Così scrivono.

“L’Urlo immediatamente, fin dalla scelta del nome, cerca di stabilire una stretta relazione con due elementi essenziali: l’esaltazione del suono e dei suoi molteplici significati e il legame con un territorio ricco di tradizioni, che affondano le proprie radici in tempi antichissimi. L’Urlo è un’invocazione, una liberazione, una gioia incontenibile. L’omonimo festival è già concepito in una dimensione comprensoriale e viene portata avanti con orgoglio la speranza di poterlo estendere, col passare del tempo, ai diversi paesi delle aree comprese tra il Parco Nazionale del Pollino e il mar Tirreno. L’Urlo intende incentivare il turismo attraverso la valorizzazione delle tipicità del nostro territorio, promuovere la cultura e l’arte in tutte le sue forme, sensibilizzare il pubblico verso la tutela e la salvaguardia della natura e dell’ambiente. L’associazione desidera proseguire la sua attività anche dopo la manifestazione di Luglio, creando legami sempre più stretti con una terra che mostra ogni giorno un irrefrenabile bisogno di essere ascoltata”.

Ricapitoliamo: a Tortora da giovedì 26 a sabato 28 luglio sarà possibile cantare le canzoni di Brunori S.a.S, Clementino, Zen Circus, Colapesce, Kalafro, Teatro degli Orrori e molti altri, tutto condiviso in modo social e interattivo, organizzato al dettaglio, ma c’è di più. Presentazione di libri molto interessanti (segnaliamo, con la presenza degli autori, “Il Casalese” di Arnaldo Capezzuto e Ciro Pellegrino, il 28 luglio alle 19:00 in piazza Stella Maris di Tortora), dibattiti, gastronomia, spettacoli dal vivo, dj set fino a notte inoltrata. Affidandosi ad una guerrilla marketing fatta di ironia, questi novelli Enotri amano definirsi i peggiori.

E’ per questo che ne parliamo.

S. Alfredo Sprovieri

admin

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>