• giovedì 9 Dicembre 2021

INNOVAZIONE | Talent Garden Cosenza, i talenti del Sud intorno a un biliardino

Michele Presta
Michele Presta
Settembre29/ 2014

Può una grande idea nascere da una partita a biliardino? Si! La lampadina di una grande idea può accendersi  quando si gioca una partita a biliardino per due motivi. Il primo è che a giocare si è solitamente in due o in quattro, quindi si parla (e ovviamente ci si sfotte). Il secondo è che a sfidarsi sono solitamente persone che hanno delle competenze differenti. Ecco quello che succede al Talent Garden. Più persone si trovano, parlano delle loro idee, dei loro progetti, del loro lavoro, fanno rete e costruiscono.

Ha aperto i battenti a contrada Lecco, nell’area industriale di Rende, il Talent Graden (TAG) , il primo a Sud di Pisa. Si tratta di una base operativa di innovatori del settore digitale in cui tutti possono trovare lo spazio, la comunità ed il supporto per trasformare la propria idea.  TAG Cosenza è un fulcro in un network globale di comunità digitali che connettono, supportano ed accelerano l’innovazione digitale. Un progetto tanto importante quanto ambizioso che  nasce dalla tenacia e della voglia di sei giovani calabresi: Anna Laura Orrico, Antonio Guerrieri, Francesco Vadicamo, Lucia Moretti,Raffaele Gravina e Salvatore Aquila. Una prova concreta che cambiare la Calabria in positivo si può; senza fare grossi proclami ma semplicemente lavorando e tenendo d’occhio quelle che sono le realtà quanto più diverse da quelle in cui si vive.

Il Talent Garden di Cosenza è il giardino dove i talenti calabresi possono sicuramente germogliare e crescere, è il luogo adatto per  chi decide di avere uno spazio di lavoro che  non sia una semplice scrivania. Aperto 24 ore su 24 con 35 spazi di lavoro disponibili a chi entra nel TAG vengono offerti tutti i servizi necessari per lo svolgimento dell’attività lavorativa da quelli di segreteria alla connessione internet. Talent Garden non è per tutti, o meglio, tutti possono accedervi ma ci sono delle professioni che non hanno bisogno del TAG per svilupparsi ad esempio: l’avvocato. Talent Garden è aperto a chi lavora nel mondo dell’innovazione, alle StartUp, dell’ICT, ai freelance e fotografi, ai designer chiunque faccia dell’innovazione la propria mission in Talent Garden torva terreno fertile. Avere uno spazio nella sede di Cosenza significa avere un proprio spazio a disposizione in ogni città in cui Talet Garden è presente (otto sedi attive al momento) , un ufficio in tutta Italia e presto anche a New York!

Sono gli abitanti del Talent Garden che si auto selezionano tra di loro. Lo spirito di condivisione è alla base delle esperienze di co-working. I primi abitanti sono la startup 1000 Italy (fondata da due calabresi a Londra) e il blog Viagando.com. Alla rete di Talent Garden Cosenza si sono uniti: Domenico Ielasi, Cofounder Artemat; Florindo Rubbettino, CEO Rubbettino; Fulvia Caligiuri, CEO Torre di Mezzo; Francesco Beraldi, Consigliere Delegato TSC; Werner Altomare, Responsabile Alma; Fortunato Amarelli, CEO Amarelli; Daniele Rossi, CEO Guglielmo Caffè.

A dare vita al Talent Garden è stato Davide Dattoli, per metà calabrese, presente all’inaugurazione del Tag di Cosenza. Twitta e scherza. La sua parola d’ordine è una: talento. Il primo Talent Garden è nato a Brescia, negli spazi che l’editore de Il giornale di Brescia ha concesso a prezzi vantaggiosi. È il ciclo della vita, dalla crisi dell’editoria nasce un luogo fisico dove poter lavorare, è uno stimolo a essere capaci e sapersi reinventare.

(Michele Presta)

Michele Presta
Michele Presta

Dei mitici anni 90 ho poco,anzi niente. Studio giurisprudenza. Rincorro notizie.Twitto in maniera compulsiva. Un pochino di carta stampata e tanto web. Mi incuriosiscono le etichette dei vini. Odio la macchina al punto che ascolto IsoRadio anche quando devo andare al bar a bere un caffè. TW@michelepresta

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>