• lunedì 30 Marzo 2020

L’AVVELENATA | Discarica di Celico, la puzza (e la lotta) continuano

mmasciata
mmasciata
Dicembre15/ 2014
"LA SENTI QUESTA PUZZA?" L'assemblea indetta dal Comitato Ambientale Presilano nella sala Impastato del Comune di Rovito
“LA SENTI QUESTA PUZZA?” L’assemblea indetta dal Comitato Ambientale Presilano nella sala Impastato del Comune di Rovito

Celico, la puzza continua e anche la lotta. Affollata l’assemblea popolare indetta ieri, ad un anno dalle prime importanti assemblee popolari sull’argomento, dal Comitato Ambientale Presilano a Rovito. Un’assemblea nata con lo scopo di aggiornare i cittadini sulla situazione delle discariche di Celico, sulla gestione dei Rifiuti in Calabria e in Presila e sulle iniziative da programmare nei prossimi giorni.

Si è posto particolarmente l’accento sul fatto che tra qualche giorno scadrà l’ordinanza contingibile ed urgente emanata dalla ex-Presidente facente funzioni Antonella Stasi per affrontare l’eterna emergenza calabrese sui rifiuti. Inoltre il 31 dicembre 2014 terminerà l’efficacia del cosiddetto emendamento Orsomarso che permette, in deroga a quanto previsto dal Piano Regionale Rifiuti, l’utilizzo delle discariche private in supporto al sistema regionale di raccolta e smaltimento.

In assenza di interventi tempestivi, risolutori e virtuosi nella gestione dei rifiuti da parte della nuova giunta regionale, si potrebbe giungere paradossalmente a un utilizzo più massiccio della discarica di Celico con sversamento di rifiuti non trattati a danno di cittadini, salute e ambiente.

L’assemblea, ricordando che la discarica della MI.GA. opera sulla base di un’autorizzazione scaduta nel dicembre 2013 e non ancora rinnovata per le criticità irrisolte come le distanze dai centri abitati inferiori a quelle previste dalla legge, la presenza di inquinanti in prossimità del sito superiori ai valori soglia, l’emissione di odori nauseabondi che pervade gli abitati, ritiene indifferibile programmare un incontro con il nuovo presidente della giunta regionale Mario Oliverio al fine di concordare un progetto ecocompatibile di gestione del territorio silano e presilano che mal si presta ad ospitare una discarica illegale. Da una giunta che vuol cambiare pagina ci si attende una presa di posizione forte che allontani dai privati lo smaltimento dei rifiuti. Presenza quella dei privati, che come dimostrato da numerose inchieste e rilanciato dal Cap, presenta forti criticità, illegalità, zone d’ombra e mala gestione.

Inoltre, riconoscendo non più rinviabile un intervento radicale di bonifica delle discariche non a norma che interessano tutta l’area, ad iniziare da quella pubblico-privata di Contrada San Nicola di Celico, l’assemblea ha rilanciato la necessità di salvaguardare il territorio facente parte a pieno titolo dell’area definita come “Sila” estendendovi il perimetro del Parco Nazionale, l’avvio di un progetto di captazione e utilizzo delle acque in modo pubblico e partecipato e la valorizzazione dei prodotti locali, l’assemblea ha convenuto sulla necessità di accelerare il processo di condivisione dei progetti elaborati dai gruppi di lavoro del comitato con le istituzioni al fine di metterli in pratica nel minor tempo possibile.

Continua nel frattempo nei territori comunali interessati la raccolta firme per una petizione popolare con cui le popolazioni interessate chiederanno a gran voce un cambio di rotta radicale nelle politiche di gestione territoriale, ritenuta dai cittadini ormai non più procrastinabile.

 

LEGGI: L’AVVELENATA | Speciale Celico

mmasciata
mmasciata

Il collettivo Mmasciata è un movimento di cultura giovanile nato nel 2002 in #Calabria. Si occupa di mediattivismo: LA NOSTRA VITA E' LA NOTIZIA PIU' IMPORTANTE.

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>