• domenica 26 Giugno 2022

“Cartella”, nazisti o mafiosi poco cambia

admin
Maggio16/ 2012

csoa cartella

Il centro sociale “Cartella” di Reggio Calabria, devastato da un incendio doloso, “rinascerà più grande e più bello di prima”. Questa la promessa degli attivisti riunitisi ieri in riva allo Stretto dopo il clamoroso atto vandalico perpetrato contro una struttura simbolo, dove non solo sono nati movimenti come quello “No ponte”, ma dove ogni giorno sono avanzate iniziative di convivenza equa e solidale, come la scuola d’italiano per immigrati.

Un’azione costante e presente nel tempo che evidentemente dava fastidio. Ma a chi? Svaniti i fumi se lo chiedono diversi in città, le svastiche disegnate sui muri a rivendicazione del vile gesto non sono a tutti i costi una firma “certificata”. A Reggio nulla è come sembra, e senza sviscerare troppo il dietrologismo che è in ognuno di noi qualche conto con la mafia più potente del mondo bisogna pur farlo. Il quartiere, cementificandosi con le iniziative degli attivisti del centro, è divenuto di difficile controllo per gli uomini dei clan, non serve un’analisi molto dettagliata per asserire che loro, senza il cartella, vivono meglio.

Per quanto ci riguarda, che siano stati mafiosi o neonazisti a perpetrare questa violenta e scientifica azione terroristica e vandalica poco cambia. Bisogna far arrivare la solidarietà a questi ragazzi a prescindere dal fatto che si sia d’accordo o meno con il loro credito politico o con le loro attività. Il linguaggio della violenza non può prevalere o trovare silenzi ad accoglierlo, silenzi assordanti come quello delle istituzioni reggine, che avrebbero fin da subito dovuto schierarsi con chi ha subito questa azione squadrista.

«Proveremo a dare una risposta politica, innanzitutto con un’assemblea. Poi probabilmente con una manifestazione. I danni sono ingenti, la struttura è praticamente distrutta. Ma c’è la voglia di ricostruirla, di ripartire. Ricostruiremo il centro sociale più bello e più grande di prima». Ribadiamo il loro messaggio per dire che tutta la Calabria che spera e che non si piega alla violenza è con loro, per un futuro e per un presente libero dalla violenza politica e criminale.

admin

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>