• lunedì 13 Luglio 2020

Stop alle nevicate, ma non finisce qua

admin
Febbraio11/ 2013


cosenza innevata

Cosenza innevata, foto di Fabio Elia

di Salvatore Intrieri

Un weekend magico ormai è terminato. Come annunciato nei bollettini meteo dei giorni scorsi, fin dall’8 febbraio (leggi qui), l’irruzione artico continentale è scivolata sulla Calabria e dalla giornata di venerdì ha apportato abbondanti nevicate in tutta la nostra regione, in particolar modo nel settore centro/ settentrionale e nei versanti del Pollino, sia occidentali che orientali, molto favoriti in questi casi a causa del vento di Sud Ovest in quota che rende copioso il quadro precipitativo.

La neve è comunque scesa moderata in tutto il Cosentino, soprattutto ieri, con accumuli fino a Cosenza città ed in tutto l’hinterland dove si registravano 4-5 cm di neve.

Fiocchi più abbondanti in alta collina dove a 600 metri, nella Presila, dove si sono toccati i 10cm. Dagli 800metri di quota in su è nevicato copiosamente ed a tale quota vengono segnalati più di 40cm di manto bianco.

Spettacolo e disagi, vere e proprie bufere in Sila, Camigliatello ha toccato i tre metri e Monte Scuro quattro metri di neve. Dama bianca elevata anche sulla Catena Costiera, con il centro di Potame (900m s.l.m.) anch’esso oltre i 40cm di accumulo nevoso.

Scuole chiuse oggi in molti centri collinari e nelle città di Cosenza e Rende per evitare “disagi di viabilità” mentre per due giorni sono esonerati dalle lezioni anche a Mormanno, paese del Pollino colpito dal terremoto dell’ottobre scorso, proprio a causa dell’abbondante nevicata che ha interessato in questi giorni il paese. Il sindaco di Mormanno, Guglielmo Armentano, alla luce delle condizioni meteo e dei circa 50 centimetri di neve che si registrano in molte contrade, ha deciso di emettere un’ordinanza a scopo precauzionale.

Nevicate copiose si son abbattute anche su tutti i tratti montani dell’autostrada A3 Salerno- Reggio Calabria dove il traffico è consentito solo con catene a bordo, a velocità molto limitate.

Accumuli anche a Castrovillari e nel versante Est del Pollino, dove Albidona (810m s.l.m.) ha toccato i 35cm.

albidona

L’accumulo di manto nevoso ad Albidona

La situazione come è facile vedere sta migliorando, il pericolo principale nella nottata è stato il ghiaccio, con temperature negative in tutta la valle del Crati e nelle zone innevate, causa effetto albedo (diminuzione del termometro per via del suolo innevato e del cielo sereno). Non tutti si sono fatti trovare preparare e per molti pendolari raggiungere il proprio posto di lavoro è stata una pericolosa e spiacevole avventura.

Da oggi, però, i numeri segnati sul termometro tenderanno ad aumentare e le condizioni del tempo torneranno nella normalità in tutto il Meridione.

Neve e maltempo infatti si stanno spostando al Nord a causa di un’intensa perturbazione che sta scivolando su cuscinetto di aria fredda presente in pianura padana e formatosi in nottata; qui sta nevicando abbondantemente.

In Calabria ripeggiorerà da domani sera (mertedì) con piogge alle quote medio- basse e ancora neve in montagna oltre i 1000 metri di quota.

Il Generale Inverno avrà ancora tanto da dire.

admin

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>