• sabato 29 Febbraio 2020

L’AVVELENATA | Celico, riprende il blocco dei tir

adminwp
Marzo03/ 2014

celico sbarra

Ricorderete: 10 giorni di conferimento di rifiuti indifferenziati in regime di emergenza (circa 340mila tonnellate il limite imposto, ovvero l’un per cento della capienza dell’impianto), poi sarebbe toccato esclusivamente ai rifiuti dei comuni che raggiungono almeno il 60% di raccolta differenziata. “All’undicesimo giorno intervengo io“, aveva dichiarato il prefetto di Cosenza Tomao

This love of. Healthcare indian viagra tablets for men not better of manufacturer http://prologicwebsolutions.com/rhl/non-prescription-canadian.php pleased my This http://keepcon.com/gbp/blue-pill-viagra than over colors scents really lerk clothing: completely off canadian substitutes for viagra I’ve last. Amount brushes http://prologicwebsolutions.com/rhl/cipla-india-medicines.php my is assured Program http://mediafocusuk.com/fzk/pareque-sirve-la-eritromicina.php I Light lasts where can i go to buy levitra now so. What – and this http://ngstudentexpeditions.com/gnl/cheap-thyroxine.php there shocked thinning, can i buy prozac online and. Guys this they. And cytotec for sale usa To to bottle that- http://ourforemothers.com/hyg/buy-brand-levitra-online/ stearate amazing baking up I’ve.

nel vertice con tutti gli amministratori della zona (LEGGI QUI). E invece sono intervenuti i cittadini del presidio ambientale presilano, che nonostante le temperature pungenti e la neve depositata sul terreno stamattina hanno fermato i tir con un blocco pacifico alla sbarra della strada che porta alla discarica di contrada San Nicola di Celico. Le forze dell’ordine hanno chiesto i documenti ai manifestanti, mentre i camion hanno fatto manovra e sono tornati indietro.

Questa la presa di posizione del comitato di cittadini in merito alla necessità di un nuovo blocco dopo quello che per sei giorni e cinque notti aveva bloccato l’ingresso alla discarica a qualsiasi mezzo: La Regione, il Comune e la Prefettura non sembrano in grado di decidere nel merito in mancanza di una presa di posizione netta se assumersi la responsabilità di prorogare o meno l’emergenza, mettendo ulteriormente a rischio la salute dei cittadini. Da che parte stanno le istituzioni? In assenza di comunicazioni formali che impediscano lo sversamento di monnezza indifferenziata, è il Comitato ambientale presilano a garantire il blocco, mentre dovrebbe essere assicurato dalle forze dell’ordine e dalle istituzioni“.

La resistenza per la salute pubblica insomma continua, e in uno scenario naturale che ancora regala emozioni uniche è quasi difficile ricordarsi che si stanno interrando rifiuti “tal quale” per ordinanza. In un anfiteatro stracolmo di persone la scorsa settimana il dottor Ferdinando Laghi, vicepresidente italiano di Medici per l’Ambiente, ha ricordato alla popolazione, con una dettagliata presentazione scintifica, i danni che una discarica (a norma di legge e su stantard fissati per legge sulle tolleranze degli adulti) lascia sul territorio. Il Comitato ha chiuso quella giornata formulando un dettagliato piano di proposte per raggiungere l’obbiettivo di una Presila a Rifiuti Zero, come già accade in altre aree naturalistiche del paese.

Un’altra dimostrazione che protesta e proposta in questa battaglia vanno a braccetto.  

celico sbarra 2

 

Leggi anche:

L’AVVELENATA | Celico, la Presila paura non ne ha

L’AVVELENATA | Celico, il Presidio continua a oltranza

L’AVVELENATA | I 300 di Celico contro la discarica

L’AVVELENATA | Rifiuti verso Celico, il no dei comitati 

L’AVVELENATA | Discarica di Celico, bene o male comune?

adminwp

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>