• sabato 29 Febbraio 2020

L’AVVELENATA | Il presidio di Celico resiste ancora

adminwp
Marzo08/ 2014

celico cone mimosa

dai nostri inviati

Il presidio di Celico resiste senza se e senza ma. Prima cosa da sottolineare, in prima fila a resistere alle cariche della Polizia c’erano molte donne, ad onorare la memoria delle conquiste sociali che vengono celebrate in tutto il mondo l’8 marzo. Qualcuno ha anche posato un fascio di mimose sul blindato della Polizia in segno di pace e distensione. Terminata a mezzanotte di venerdì la chiusura della strada per motivi climatici, cinque mezzi colmi di spazzatura sono arrivati nella prestissima mattinata alla sbarra di località Manco Morelli per sversare rifiuti non trattai, ma sono dovuti tornare indietro dopo qualche ora. Le “tute gialle”, con molti uomini a scorta di chi guidava i mezzi, si sono mostrate determinate a far passare i loro mezzi a tutti i costi prendendo parte a non poche tensioni, ma da subito circa settanta fra uomini e donne del presidio permanente si sono posizionati davanti alla sbarra a mani alzate, senza reagire a qualsiasi possibilità di scontro anche verbale.

celico cone2

La polizia si è posta a tutela dell’ordine pubblico, cercando però di fare rispettare l’ennesima ordinanza di sgombero, e quindi di liberare la strada dal presidio: tre sono state le “cariche” nelle quali la polizia in tenuta antisommossa ha solo cercato di spingere i manifestanti in chiaro atteggiamento di resistenza passiva e pacifica. Poi si è desistito, con i dirigenti del servizio di pubblica sicurezza che hanno attestato l’impossibilità di far eseguire l’ordine a scapito di manifestanti pacifici.

celico cone 4

Prima della cariche, il comitato ha spiegato alla Digos di Cosenza che, disattesi gli accordi precedenti alle due nuove ordinanze della Regione Calabria, stavolta si sarebbe resistito ad oltranza a Celico, dalla parte della legge e in modo pacifico, perché il conferimento di rifiuti non trattati rappresenta un pericolo troppo grave per il territorio, pericolo vietato dalle normative comunitarie in materia di conferimento dei rifiuti e dalla relativa legge nazionale (il famoso decreto Ronchi).

I mezzi nella tarda mattinata hanno come detto fatto retromarcia e sono andati via. La resistenza di Celico ha vinto ancora una volta. Domani è un’altra lotta.

 celico cone

Leggi anche:

L’AVVELENATA | Celico, la popolazione torna in campo

L’AVVELENATA | Celico, riprende il blocco dei tir

L’AVVELENATA | Celico, la Presila paura non ne ha

L’AVVELENATA | Celico, il Presidio continua a oltranza

L’AVVELENATA | I 300 di Celico contro la discarica

L’AVVELENATA | Rifiuti verso Celico, il no dei comitati 

L’AVVELENATA | Discarica di Celico, bene o male comune?

adminwp

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>