• lunedì 25 Ottobre 2021

APPUNTI DI VIAGGIO | Claudio Dionesalvi: la borghesia del Sud deve vergognarsi

mmasciata
mmasciata
Ottobre13/ 2015

La bottega di commercio equo e solidale Otra Vez, situata nel cuore di Cosenza, ha deciso di far tornare a discutere e ad incontrarsi le persone. Per farlo ha pensato ad un’iniziativa chiamata “Appunti di viaggio” che si ripete ogni mercoledì pomeriggio. Si tratta di chiamare a raccolta attivisti e operatori che nella estate passata hanno compiuto un viaggio a fine di racconto, per provare a farne un bilancio partecipato. Primo appuntamento dedicato al viaggio di Claudio Dionesalvi, la firma del Manifesto che per cinque giornate di agosto ha percorso il Tirreno cosentino a piedi fingendosi un venditore ambulante rumeno. Il suo viaggio è stato sia narrazione di luoghi e persone e sia denuncia del degrado ambientale in cui versano le nostre coste. Un errare molto particolare, documentato giorno per giorno sul blog inviatodanessuno con l’inchiesta a puntate Beach Terminal. Come è nello stile di Claudio, alla fine si è parlato di tutto, discutendo con Alfredo Sprovieri e con il pubblico presente in due ore piene e rilassate, nelle quali non sono mancati i momenti di sincera emozione. Le lotte ambientali, i nodi giudiziari, i casi irrisolti e le questioni politiche, le direttrici del nuovo giornalismo: Dionesalvi è stato capace di toccare tutti i punti cardinali della questione Calabria, riuscendo a non relegarla in una dimensione localistica ma sempre tenendo presente il contesto storico e geopolitico. Gamba tesa sull’attualità con il caso editoriale di Iacchitè (“Stanno finalmente facendo i nomi e i cognomi, senza discorsi vaghi“) e non sono mancate venature intimistiche e capacità di autocritica, perché si parta sempre dal confrontarsi con i propri limiti. Claudio Dionesalvi ha discusso con i numerosi ragazzi presenti del suo critico rapporto con i social media e ha persino confidato un sogno inespresso, quello di diventare inviato di guerra e confrontarsi con la sofferenza vera. Ma non c’è spazio per rimpianti in una vita vissuta a muso duro come la sua, votata allo scontro anche contro il proprio fisico minuto. La rabbia sociale è ancora un tema centrale nell’analisi di Dionesalvi, che non ha fatto sconti alla borghesia del Sud tipicamente rappresentata nella città di Cosenza. Una borghesia cupa, per nulla illuminata, che continua a produrre storture di cui dovrebbe vergognarsi e per la quale i padroni delle città meritano di essere sputtanati in piazza, con nomi e cognomi. Mercoledì 14 ottobre alle 18 si replica con il viaggio di don Tommaso Scicchitano, sempre da Otra Vez.

ASCOLTA l’audio integrale dell’incontro con Claudio Dionesalvi su RADIO CIROMA 105.7

mmasciata
mmasciata

Il collettivo Mmasciata è un movimento di cultura giovanile nato nel 2002 in #Calabria. Si occupa di mediattivismo: LA NOSTRA VITA E' LA NOTIZIA PIU' IMPORTANTE.

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>