• martedì 7 Luglio 2020

LIBERTA’ | Scalercio: «Sono i tempi bui a dover temere la satira» (VIDEO)

Francesco Cangemi
Francesco Cangemi
Marzo19/ 2015

di Francesco Cangemi

«La satira, soprattutto in questi tempi bui, va difesa e va tramandata, perché si tratta di difendere le libertà individuali messe in questo periodo sotto forte pressione da fanatismi e religioni. Ma sono i tempi bui a dover temere la satira, non il contrario». Webmastru di Spigaweb, attore e ora anche prof di Teatro comico e satira per un laboratorio di Libero Teatro. Lui è Nunzio Scalercio e da qualche tempo, dopo anni di “silenzio”, è tornato a calcare le scene e, per la prima volta, ha deciso (su proposta della compagnia Libero Teatro diretta da Max Mazzotta), di fare il docente. Un titolo che non gli piace molto ma che è molto azzeccato se si pensa che di satira e Teatro comico sono da anni oggetto di studio dell’attore/webmastru Nunzio Scalercio. Il “debuttante” spiega a Mmasciata.it come «La risata è salvifica e catartica ed è riconosciuto il ruolo fondamentale del teatro comico nella nostra società. In un momento storico in cui comicità e satira sono sotto pressione e vivono un momento difficile a causa di tensioni politico-religiose è d’obbligo sostenere, preservare e incoraggiare il racconto satirico-umoristico come forma di difesa della libertà intellettuale. La capacità di leggere una società con occhi nuovi e diversi, in una prospettiva che ne riveli ingiustizie, inconsistenze e assurdità, fanno del comico una figura di primissima importanza nella dialettica tra popolo e potere».

Obiettivo finale di questo esperimento è conoscere, tirare fuori e mettere in evidenza il proprio lato comico. Il laboratorio Immersioni nel teatro comico-satirico si terrà al Ptu – Piccolo Teatro Unical (dietro l’Aula magna in piazza Molicelle presso l’Università della Calabria) il 26, 27, 31 marzo e 1, 2 aprile dalle 19 alle 22. E’ aperto ad un massimo di 20 persone “partecipanti” e 7 “uditori” e per iscriversi basta una mail a Libero Teatro, anche non ironica ma meglio se ironica.

Francesco Cangemi
Francesco Cangemi

Giornalista pubblicista che ama definirsi cantore della modernità e signor Wolf in salsa bruzia. Prima che nelle redazioni ha bazzicato per qualche anno nel teatro come attore e con qualche esperimento alla regia ma poi, per fortuna, ha smesso. Ha scritto diversi racconti ma molti sono ancora nella sua testa e ha collaborato a smisurate cose. Ah sì... ogni tanto parla in terza persona...

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>