• mercoledì 29 Gennaio 2020

StartCup14 | Se in Calabria prosperano forme di vita intelligenti

Francesco Vigna
Francesco Vigna
Ottobre29/ 2014

di Francesco Vigna

Hai un’idea d’impresa innovativa e vuoi metterti in gioco?  Partecipa alla Start Cup Calabria 2014!

Da più di un anno insieme a mio fratello lavoravamo ad un progetto d’impresa, un’idea di business innovativa. Quale migliore occasione da sfruttare? Compiliamo il modulo e ci prenotiamo per l’incontro one-to-one nel giorno del Village all’Università della Calabria; è lì che dobbiamo esporre il nostro progetto innovativo davanti a docenti universitari e al team di CalabriaInnova (progetto regionale di Fincalabra e AREA Science Park). Dobbiamo convincerli che la nostra idea può essere la più innovativa ed a più forte impatto commerciale tra le 74 start-up, che come noi, hanno scelto di mettersi in gioco.

Sì, 74. Avete capito bene. Settantaquattro idee d’impresa, per quasi 200 partecipanti in totale. Nelle 5 giornate di Village le Università della Calabria, Università Magna Graecia, Università Mediterranea insieme a CalabriaInnova hanno dato luogo ad una grande ricerca di “forme di vita intelligenti” (come recita il motto dell’edizione 2014 di StartCup).

Originalità, potenzialità di sviluppo del progetto ed adeguatezza delle competenze del team i tre criteri orientanti.

Nella giornata del Village si respira davvero aria nuova. Un grande laboratorio di idee, tantissimo entusiasmo. Ed anche noi siamo entusiasti di essere lì. E’ la nostra prima esperienza, ci siamo detti, ma siamo sicuri che la nostra idea spacca. Facciamo il colloquio one-to-one e ci congediamo da quell’ambiente “alienante”, in attesa, nei giorni seguenti, di una mail.

E la mail arriva:

Accesso alla seconda fase: gli Academy”.

Siamo nei 32 gruppi!!!

Gli Academy rappresentano la fase più importante. Cinque giorni di formazione manageriale seguiti da mentor, docenti e testimonial di esperienze vincenti in materia di start up. Cinque giorni di lavoro, dove, oltre a ritrovare vecchie ed apprezzate amicizie, ci si è confrontati insieme a ragazzi e ragazze pieni di entusiasmo, con i quali condividere le proprie idee d’innovazione. In quei incubatori d’idee c’è chi sviluppa nuove applicazioni per smartphone, chi, come noi, ha realizzato dispositivi innovativi, chi è lì con progetti di laboratori o chi ha sviluppato ricerche all’interno delle proprie università. Un gruppo eterogeneo, accomunati dalla voglia di mettersi in gioco ed imparare a fare impresa.

Gli Academy sono orientati per prepararci al meglio nella realizzazione dell’elevator pitch, la presentazione dell’idea d’impresa in power point, da esporre in cinque minuti davanti ad una commisione di valutazione. E dalla sfida a colpi di pitch, solo 10 idee d’impresa venivano ammesse alla finale. E noi siamo tra le 10. La nostra idea spacca davvero.

Ci diamo appuntamento a Germaneto.

E il 28 Ottobre nell’Auditorium dell’Università Magna Graecia di Catanzaro è tutto pronto per la finale.

Siamo tesissimi; a Catanzaro ha luogo una di quelle poche giornate che arricchiscono la Calabria, e soprattutto l’Università Magna Graecia, dove, come mi dice un’amica incontrata a sorpresa tra il pubblico presente nell’Auditorium: “finalmente fanno qualcosa d’interessante. Qui non c’è mai nulla”.

Tutti quanti ci siamo preparati al meglio. La tensione è ai massimi prima di salire sul palco ed esporre la nostra idea davanti ad un pubblico numeroso ed una giuria di esperti, imprenditori, venture capitalist, giornalisti e docenti universitari.

Finiamo davanti ai tre opponent, che come una giuria di X factor sono lì a riempirti di domande e complimenti dopo l’esposizione e facciamo la nostra parte.

La vittoria va ad un gruppo di ricercatrici dell’Unical, Gel-Oil Aromatizzati, una startup che propone l’olio extra vergine d’oliva in gel. Secondo posto per  LadyCareHair, un trattamento anticaduta. Terzo premio Drive Better, start up che propone una soluzione per l’analisi delle performance della propria auto in tempo reale.

Non siamo tra i vincitori, e non andremo al Premio Nazionale per l’Innovazione a Sassari il 4/5 Dicembre, ma per noi resta davvero un orgoglio aver partecipato ed essere arrivato in fondo ad una competizione, dove ciò che ha fatto la differenza è  quello che potrebbe salvare la nostra terra: non il potere dei soldi o delle raccomandazioni, ma il potere delle idee.

Francesco Vigna
Francesco Vigna

“Se non fossi diventato un cantante sarei stato un calciatore...o un rivoluzionario." Ma non sono mai stato un cantante in vita mia...

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>