• giovedì 4 Giugno 2020

ijf14 | Casaleggio sarà presto in televisione

alfredo sprovieri
alfredo sprovieri
Maggio02/ 2014
ConfAPRI e Movimento 5 Stelle a confronto
Gianroberto Casaleggio, Guru del Movimento Cinque Stelle

Gianroberto bucherà lo schermo, ne sono sicuro“. Un’opinione che in bocca a uno dei principali protagonisti della comunicazione del Movimento Cinque Stelle diventa una notizia. Il guru del movimento sarà presto in un talk televisivo, probabilmente seguito da Beppe Grillo, questa è l’impressione di chi ascolta; il dietro le quinte del Festival del giornalismo regala impressioni e dichiarazioni che vanno ben oltre i comunicati, le dichiarazioni e le pianificazioni comunicative della politica, affondano direttamente le mani nella carne viva delle strategie.
Tenere lontani dai talk show gli uomini di Grillo, che ha sempre dimostrato di detestare i pollai catodici, è sempre più difficile.Le prime donne a cinque stelle crescono in audience e in ambizioni. Legittime, tanto che lo stesso comico frontman ha cambiato da tempo la sua strategia comunicativa per la televisione, con l’apparizione da Mentana e la famosa intervista abbraccio alla giornalista. Tenerli a bada insomma è sempre più difficile, ed è compito di Nicola Biondo, ex cronista giudiziario nel Trapanese de L’Unità e oggi direttore dell’ufficio comunicazioni pentastellato.

Per la prima volta in un confronto con l’omologo Francesco Nicodemo, a libro paga del rullo compresso renziano, è stato stimolato dalle osservazioni della docente Elisabetta Gualmini, preside dell’istituo Cattaneo e dalle spigolature del giornalista Giuliano Santoro, decostruttore della favola grillina.

Il giornalista cosentino si è opposto alla narrazione mainstream del dibattito, ha parlato di un’Italia bloccata da 20 anni, di propulsioni dal basso che si scontrano con un muro di gomma sempre più spesso e di un deficit patologico fra rappresentanza e rappresentazione. Alla lettura movimentista delle cose si è contrapposta una dialettica incentrata su come la comunicazione politica riesce a dominare il dibattito giornalistico. E’ davvero tutto rivoluzionato rispetto a soli tre quattro anni fa? Dal dominio di Berlusconi forse si è solo passati al triumvirato di leader attorno ai quali arranca la forma partito.

E se star dietro con efficacia a Renzi, Grillo-Casaleggio e Berlusconi diventa sempre più importante per il giornalismo italiano, stare accanto alla vita i cittadini appare sempre più difficile.

alfredo sprovieri
alfredo sprovieri

Un po' di tv e molta carta stampata in una vita redazionale precedente. Ogni tot scribacchino per le grandi testate italiane. Più montano che mondano, per Mimesis edizioni ha scritto "Joca, il Che dimenticato".

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>