• sabato 1 Ottobre 2022

WINDOWS | Quel silenzio d’Abruzzo mentre trema il turismo

mariarosaria petrasso
mariarosaria petrasso
Gennaio03/ 2015

 di Mariarosaria Petrasso

Camporotondo di Cappadocia (AQ)
Camporotondo di Cappadocia (AQ)

Questa finestra apparentemente ritrae un’immagine lieta. Eppure Nives si sta affacciando su una terra che negli ultimi anni è stata tutt’altro che felice. E’ una foto scattata a Camporotondo di Cappadocia in provincia de L’Aquila. Nel 2009 il terremoto dell’Abruzzo è andato a ingrossare con trecentonove persone le fila delle vittime dell’incuria italiana. Con una costanza che ha dell’agghiacciante, quasi a nulla sono serviti i terremoti del passato nemmeno troppo remoto, in termini di prevenzione e piani di emergenza (si pensi a quello dell’Umbria e delle Marche o a quello dell’Irpinia, se non si vuole andare troppo indietro, senza contare quelli meno disastrosi come quello dell’Emilia o della vicina Mormanno).

Insomma, l’abbiamo scampata anche questa volta. Ma cosa sarebbe successo se invece di fare a gara al tweet più originale o il post su Facebook più esilarante, ci fossimo trovati sfollati sotto il gelo che in queste ore ci sta facendo pregustare sorbetti con miele di fichi e battaglie di palle di neve? La situazione non è di certo incoraggiante, come abbiamo detto QUI, con solo il 54% dei comuni calabresi dotati del piano di emergenza comunale e la quasi totalità dei cittadini che ignorano come comportarsi in caso di terremoto, ma le similitudini tra questo panorama abruzzese e la Calabria non finiscono a questo. La neve e la vocazione turistica di Camporotondo infatti non sono poi così diverse da quelle silane. Questa località era infatti molto frequentata dagli sciatori e ha lentamente assistito a un declino e uno spopolamento che non riescono a fermarsi. I cartelli “vendesi” attaccati alle finestre sbarrate sono uguali a quelli che tappezzano le imposte delle case della Sila. Gli impianti sciistici obsoleti o dismessi ricordano tanto quelli di Lorica che, per il secondo anno consecutivo e chissà per quanti altri ancora, sono rimasti chiusi.

Anche i cani da slitta sono un punto di contatto tra le montagne abruzzesi e l’altopiano silano: in entrambi i luoghi si tengono manifestazioni che li vedono protagonisti, ma tutto è circoscritto a pochi giorni all’anno. Altrove lo sleddog e lo skijoring sono le nuove frontiere dello sport invernale, qui invece la slitta del turismo è ancora ferma, nonostante siano luoghi votati soprattutto allo sci di fondo e quindi perfetti per discipline sportive praticate con i cani nordici. Bilancio dunque non molto incoraggiante. La speranza è che finalmente qualcuno si accorga che i disastri, così come la cura per i luoghi di interesse turistico, non debbano essere trattati sempre con piani emergenziali, ma che si lavori prima che tutto vada perduto.

 

Guarda QUI dove si trovano le finestre di WINDOWS | immaginazione e realtà fuori dagli sche (r) mi

mariarosaria petrasso
mariarosaria petrasso

Scrivana giramondo per passione, amo raccontare di luoghi e umanità. Credo che il miglior passo sia quello a sei zampe e infatti la mia compagna di avventure è una lupa di nome Nives. Con il giornalismo non ho mai guadagnato un granché, ma questa non è una buona ragione per smettere.

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>