• domenica 27 Settembre 2020

CAMERINI | Il cinema di Marco Risi: che partita con Pasolini

Francesco Cangemi
Francesco Cangemi
Gennaio13/ 2015

di Francesco Cangemi

In Calabria si sente dire spesso, molte volte a ragione, che gli eventi culturali scarseggiano. Appare allora assai strano vedere un cine-teatro non proprio pienissimo per l’arrivo del regista Marco Risi, ospite d’onore della nona edizione del festival internazionale “Mendicino corto”. Passato un po’ il rammarico per aver sprecato un’occasione, Risi si sofferma a parlare del film presentato a Cosenza “Tre tocchi”. Un film, come spiega lo stesso regista, che s’è visto poco nelle sale cinematografiche perché girato quasi in autoproduzione dove anche lui ha voluto metterci dei soldi. Un film al quale crede molto l’uomo che ha diretto “Mery per sempre” e “Fortapàsc” (giusto per citarne due fra i tanti), un film che racconta di calcio e della Nazionale attori nello specifico nella quale militava anche Pier Paolo Pasolini. Un bel modo di rompere quella concezione intellettualistica da puzza sotto il naso che vede il mondo del calcio distante da quello delle arti. Il calcio è poesia, fa capire Risi con i suoi “Tre tocchi” e come tale va raccontato. Ma in Italia, spiega, fare un film diventa sempre più difficile perché le major cinematografiche vogliono rischiare sempre meno e produrre qualcosa che piaccia al pubblico a colpo sicuro. Ringraziando il cielo però ci sono ancora, pochi, personaggi come Marco Risi. Fra i tanti sud raccontati dal figlio di Dino manca la Calabria e probabilmente è ancora lontano il tempo in cui lo farà. Risi tranquillizza però spiegando che di questa regione si sta occupando Marco Tullio Giordana con un film che vedrà la luce delle sale entro l’anno. Non si sa ancora invece quando prenderanno vita i nuovi progetti di Risi che confessa di averne più d’uno ma che ancora non ha trovato il “fortunato vincitore”. Fortunato è stato chi ha potuto assistere alla proiezione del raro “Tre tocchi” e gustarsi quattro chiacchiere con il regista. Peccato per quella Calabria culturale sempre in preda al lamento.

Francesco Cangemi
Francesco Cangemi

Giornalista pubblicista che ama definirsi cantore della modernità e signor Wolf in salsa bruzia. Prima che nelle redazioni ha bazzicato per qualche anno nel teatro come attore e con qualche esperimento alla regia ma poi, per fortuna, ha smesso. Ha scritto diversi racconti ma molti sono ancora nella sua testa e ha collaborato a smisurate cose. Ah sì... ogni tanto parla in terza persona...

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>