• mercoledì 22 Gennaio 2020

FUMETTO FESTIVAL | Fra Zagor e Vik, il sabato del Premio Andrea Pazienza

mmasciata
mmasciata
Ottobre10/ 2015

La seconda giornata de Le Strade del Paesaggio, il festival del fumetto di Cosenza, inizia battezzata da una cupa pioggia autunnale. Un effetto scenico che prepara alla grande anteprima del terzo giorno, quando toccherà a Morgan Lost, il nuovo antieroe della Bonelli caratterizzato da una daltonicità cronica che gli fa vedere il mondo in nuances grigie macchiate di rosso sangue. Dura fino a pranzo in realtà, e serve allo staff per rilassarsi un po’ e riprendersi dall’ubriacatura di visitatori ed eventi del giorno precedente. Risate e bilanci della prima giornata poi, tempo che il pranzo finisca, e il Teatro Rendano si riempie di chiasso. Cosplay in divenire e bouvette che si trasforma in sala conferenze, dove a raffica si discute e si presentano lavori interessanti come quelli della Round Robin, casa editrice che ha presentato 10 anni di inchieste e racconti attraverso alcuni dei suoi ultimi lavori, Soldi Sporchi e Arrigoni. Un lavoro di inchiesta giornalistica che diventa fruibile per tutti e un’accurata ricerca stilistica che possa rendere al meglio la veridicità della storia da raccontare.

Spesso si è scritto, parlato e raccontato della vicenda di Vittorio Arrigoni e altrettante volte si è optato di intitolare le opere a lui dedicate con il titolo “Restiamo Umani”. Il libro-fumetto , così ama definirlo il suo autore Stefano Piccolo invece ha un titolo diverso Guerrilla Radio titolo del blog di Vittorio Arrigoni , un invito alla memoria in cui sono riportati tutti i lavori del cooperante italiano tragicamente ucciso in Gaza. Ci tiene a sottolinearlo Piccolo «In questo libro fumetto non c’è nessun riferimento biografico, ci tenevo a raccontare la storia di Vittorio e del posto dove da tempo aveva deciso di vivere. Mi interessavano molto i luoghi, disegnare Roma è per me facilissimo, per disegnare Gaza mi sono esercitato moltissimo grazie all’aiuto di foto che altri miei amici cooperanti mi inviavano periodicamente». In Soldi Sporchi si percorrono latitudini meridiane spesso devastate dalle scellerate attività delle multinazionali. Tutto ruota intorno alla storia dell’imprenditore nigeriano Dotun Oloko. Dal grapcih novel ideato e realizzato da Claudia Giuliani e Lucas Manes è nato anche un interessantissimo cortometraggio Oil for nothing in cui si denuncia lo sfruttamento della valle del Niger ad opera delle multinazionali petrolifere.

Oil for Nothing | ITA from Luca Tommasini on Vimeo.

Mentre il quadro di Batman realizzato da Gianluca Caracuzzo stava per essere ultimato, i tanti appassionati di Zagor, terminata la conferenza Zagor, 600 volte Avventura, si sono riversati al museo del fumetto. In pochi istanti la lunga fila ordinata si è predisposta all’ingresso del museo. Come per lo scorso anno il souvenir è un piccolo albo di Zagor intitolato “Smiling” Joe autografato dagli autori Venturi e Burattini. La chiusura è affidata al frizzante Vito Foderà, a cui è affidata la presentazione del Premio Andrea Pazienza. Vetrina migliore alla boutique Vips Since, Claudio Chiaverotti Miglior Sceneggiatura, miglior autore per serie stranere a Giancarlo Caracuzzo, Miglior casa editrice Tunuè, Graphic Novel d’inchiesta Claudia Giuliani con “Soldi Sporchi”, Miglior disegnatore Bruno Brindisi e Premio alla carriera Moreno Burattini.

Tutto questo è stato il sabato de Le Strade del Paesaggio, un pendolare tra il Teatro Rendano al Museo del fumetto, come se vivere la città vecchia essenzialmente fosse un gesto quotidiano.

mmasciata
mmasciata

Il collettivo Mmasciata è un movimento di cultura giovanile nato nel 2002 in #Calabria. Si occupa di mediattivismo: LA NOSTRA VITA E' LA NOTIZIA PIU' IMPORTANTE.

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>