• martedì 16 Agosto 2022

Cosenza, la triste fine di un topo di città

admin
Novembre01/ 2012

topo cosenza

Il corpo di una pantegana morta giace ormai da tre giorni lungo il bordo di un marciapiede della centralissima Cosenza. Siamo su via Caloprese quando passando si nota lo spettacolo indecoroso di questo povero animale morto per chissà quale ragione. Sarà uno scherzo di Halloween? No, è immobile li “da ormai tre giorni interi, se non di più“, ci dicono sul posto.

La scena si svolge davanti a negozi che aprono proprio sul triste siparietto fra la vita frenetica delle macchine e dei pedoni e la vita finita di un topo di città. I passanti si fermano, sobbalzano e accelerano il passo inorriditi, molti bambini si spaventano e corrono ad afferrare le mani dei genitori.

Il fatto potrà sembrare irrisorio e banale, ma lascia perplessi l’incontro ravvicinato con una carcassa così grande, in una zona così centrale. Nessuno del personale addetto alla pulizia delle strade o dei marciapiedi ha notato l’animale? Nessun negoziante ha pensato di toglierlo per non turbare la serenità dei clienti? Pare di no.

Sembra che alcune cose in questa città siano lasciate li, vivano e muoiano nell’indifferenza più totale del passante e del restante. Nel piccolo, una metafora del tutto. Così, nel giorno degli zombie e dei morti, sotto la pioggia incessante perdi anche il gusto triviale dell’orrido, incontrando la triste fine di un topo sul marciapiede.

Gabriele Fabiani

admin

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>