• sabato 29 Febbraio 2020

Castiglione: “Per ora i differenziati siamo noi”

admin
Gennaio22/ 2013

differenziata

di Gabriele Fabiani

Castiglione Cosentino è uno dei tanti paesi funzionali adagiato sulle colline bruzie che coccolano Cosenza. Uno dei primi comuni ad attuare la raccolta differenziata dei riifiuti quando ad occuparsi del progetto c’era la vecchia “Valle Crati”. Quel progetto però fallì miseramente per tanti motivi e i buoni risultati ottenuti in quei mesi si dispersero in maniera repentina, facendo tornare tutti al vecchio “bustone” nero da buttare nel cassonetto grigio.

A distanza di anni, però, la raccolta differenziata torna alla ribalta nel piccolo paese cosentino e finalmente riparte. In giro si trovano dei volantini che ne spiegano le modalità di “porta a porta”, anche se onestamente non appaiono del tutto esaustivi. Sul sito del Comune la situazione non migliora, anzi. Cliccando alla voce “Raccolta differenziata”, si apre la spiegazione della variante al nuovo P.R.G. che determinerà l’espansione del paese.

In alcune contrade, tipo “Capitano”, sono state organizzate delle riunioni in cui si è cercato di spiegare ai cittadini residenti come fare per “differenziare”. A quanto pare però i risultati non sono stati quelli voluti. I cittadini appaiono confusi e la “raccolta differenziata” è partita nel centro e nelle zone limitrofe, ma è del tutto assente nelle frazioni delle campagne castiglionesi. Nessun cassonetto è stato distribuito, nessuna informativa è stata fatta circolare e soprattutto, nessuno sa se inizierà mai la raccolta e come inizierà. Forse che le campagne castiglionesi non hanno bisogno di differenziare? Forse che i “campagnoli” non sanno “differenziare”? Oppure semplice routine iniziando “step by step”?

Fatto sta che la cosa ha creato indignazione fra i residenti delle frazioni disperse nelle campagne del paese. “Siamo sempre tagliati fuori noi delle campagne,- ci scrivono – noi siamo sempre gli ultimi a sapere le cose”. A quanto pare per ora gli unici ad essere stati “differenziati” sono stati i cittadini.

admin

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>