• domenica 26 Gennaio 2020

Denunciate la munnizza

admin
Gennaio28/ 2013

di Mariarosaria Petrasso

La munnizza e l’impegno civico ai tempi dei social network. Se le amministrazioni fanno fatica a monitorare il territorio, avanzando la sempre buona scusa della carenza di personale, nasce un nuovo thread che vede il cittadino direttamente coinvolto nella manutenzione delle città. E’ così che Facebook diventa luogo di denuncia e discussione.

Una delle ultime segnalazioni a proposito di munnizza, riguarda il centro della città, un pezzo di terreno verde tra Via Cattaneo, Via Alimena, Corso Mazzini/Piazza Kennedy e Via Miceli. All’interno cumuli di spazzatura e carcasse di automobili, sporcizia che per fortuna non è rimasta completamente nascosta dallo scintillìo del vicino salotto buono, apparentemente immune a storie di ordinario degrado urbano.

 mun 1

mun 2

Non solo Facebook, Cosenza è anche presente su Decoro Urbano, un sito (qui) dove i cittadini armati di smartphone possono fotografare rifiuti, atti vandalici, dissesto stradale e tutto quello che contribuisce ad aumentare l’incuria degli spazi pubblici. E’ un progetto su scala nazionale dove anche le amministrazioni sono parte attiva. I comuni partecipanti, tra cui la stessa Cosenza, prendono l’impegno di accogliere le segnalazioni, smistarle agli organi di competenza per la risoluzione e informare sullo stato di avanzamento dei lavori fino alla completa risoluzione.

Attualmente la città bruzia ha 125 segnalazioni, di cui 99 in carico e 26 risolte. Sono invece assenti i comuni limitrofi di Rende e Castrolibero.

dec urb

A terminare il quadro, in una campagna elettorale nella quale il tema dei rifiuti sarà sempre più centrale per la Calabria, c’è la notizia data dal commissarrio per l’emergenza rifiuti Vincenzo Speranza: i Comuni devono al suo ente 150 milioni di euroMaglia nera proprio a Cosenza con i suoi 15 milioni di euro di debiti accumulati dal 2006 ad oggi, a differenza dei comuni capoluogo di provincia di Reggio Calabria, Crotone e Catanzaro, che, secondo i dati raccolti, si possono definire i più virtuosi sull’intero territorio regionale. Se la politica in generale in Calabria non cambia mentalità, è difficile che le situazioni si risolvano”, ha affermato Speranza.

Tornando infine alla città dei bruzi, sulla scorta dei nostri servizi, c’è anche sul Web chi ironizza sulla campagna pubblicitaria del Comune a proposito del ritorno della raccolta differenziata, sperando che a seppellirci sia solo una risata e non i cumuli di spazzatura ammassati sotto i manifesti che assicurano la morte della munnizza.

 

LA MUNNIZZA E’ VIVA E LOTTA INSIEME A NOI —- leggi la nostra inchiesta social (qui)

admin

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>