• sabato 16 Gennaio 2021

Resa dei conti a Palazzo Collice

admin
Marzo21/ 2013

palazzo collice

di Paolo Vigna

Il consiglio dopo la tempesta, o meglio lo tsunami, è stato rinviato a data da destinarsi. A San Pietro in Guarano era stato convocato in via straordinaria per le comunicazioni del sindaco Francesco Acri in merito alla revoca del vicesindaco e alle dimissioni di due consiglieri di maggioranza. All’indomani delle elezioni politiche infatti, si era consumato quello che potremmo definire come un rimpasto a metà, visto che al posto degli uscenti non si sono state annunciati nuovi ingressi. Il sindaco Francesco Acri e la sua giunta comunale, giunti all’ultimo giro di boa prima delle Comunali, hanno deciso di affrontare le peripezie amministrative con i numeri in consiglio che si stanno facendo risicati.

Questo perché il vicesindaco Gerardo Pugliese, la consigliera nonché capogruppo del gruppo consiliare “Presenza democratica” Rosina “Rosellina” Brun e l’assessore Mario Principe non faranno più parte dei banchi di maggioranza in consiglio comunale. Al primo è stato revocato il mandato dallo stesso sindaco Acri, che sui giornali lo ha attaccato dicendo che sta lavorare per costituire una lista contraria alla loro e che è lontano dalla vita amministrativa, mentre la sopraccitata Brun ha annunciato ben prima la sua decisione di abbandonare con una comunicazione, dove afferma “sono venute meno le condizioni per proseguire con le scelte programmatiche ed amministrative condivise nella proposta elettorale nonché la comunicazione, i rapporti interpersonali con molti dei componenti del gruppo Consiliare e lo spirito di condivisione dei principi ideali della lista “Presenza Democratica” dichiaratasi civica al momento delle elezioni amministrative.”

E per ultimo Principe, assessore di Padula, che è stato invitato a dimettersi dopo il risultato elettorale e così ha fatto, ha spiegato ufficialmente che “sono venute meno le condizioni minime di fiducia personale ed amministrativa per proseguire” il lavoro in una lista che alle Amministrative si definiva civica.

Vi riproponiamo di seguito tutti i documenti attinenti al rimpasto motivato evidentemente dai risultati elettorali, che a San Pietro ha senza dubbio premiato il Movimento Cinque Stelle, nonostante la candidatura dello stesso primo cittadino nelle fila di Sinistra ecologia e libertà (leggi QUI i risultati elettorali).

Per ora quindi rinviato il passaggio in consiglio che avrebbe potuto chiarire molti punti politici, ricordiamo che ora come ora la minoranza conta su cinque consiglieri (Ernesto Bruno, Raffaele Apa, Massimo Ferraro, Orlando Marsico, Paolo Zaccaro) mentre la maggioranza su nove (Francesco Acri, Salvatore Magnelli, Luisa Intrieri, Giuseppe Leonetti, Pasquale Turano, Francesca Gagliardi, Carmela Apa, Maria Tarasi, Costantino Bruno), tre come detto sono i fuoriusciti (Gerardo Pugliese, Rosina Brun, Mario Principe). La collocazione che decideranno e il voto che esprimeranno di volta in volta quest’ultimi saranno importanti per il futuro di questa amministrazione, così come le assenze.

 

LEGGI TUTTI I DOCUMENTI

[widgetkit id=60]

 

 

admin

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>