• domenica 27 Settembre 2020

Basta parole, ecco il Festival del Fare

adminwp
Dicembre13/ 2013

festival del fare

di Michele Presta

Come si fa?” Abbiamo inventato il Festival del Fare perché pensavamo la domanda decisiva per i nostri destini fosse questa. Collaborare e condividere, divulgare Know how in maniera del tutto gratuita, stuzzicare le menti di chi ha idee per realizzarle. Questa la rivoluzione e la frontiera degli innovatori e dei “makers”, che dal 16 al 20 dicembre arriva anche a Cosenza. Dopo il week-end dedicato alla Start-Up Calabria dell’Unical, nella adiacente città dei bruzi andrà di scena per la prima volta un Festival “pratico” dove ci sarà occasione di conoscere,ma soprattutto la possibilità di incontrarsi per poter in futuro fare e creare quindi rete.

La rete, non necessariamente quella virtuale, può rappresentare la giusta strada da percorrere per avviare nuovi processi produttivi in grado di poter creare sviluppo e posti di lavoro. Spesso sentiamo dirci che il lavoro bisogna inventarselo. Bene, ma come si fa? Questo è quello che vuole ottenere il Festival del Fare organizzato dal gruppo Cangiacapu, interamente composto da giovani laureati, laureandi e docenti universitari. Non si tratta solo di divulgazione di Know-how ma di un progetto che ad ampio raggio potrebbe portare gli interessati ad investire prima di tutto su se stessi, realizzando quello che di fatto si riteneva impossibile solo perché si era privi di strumenti e delle giuste conoscenze.

Sono stati organizzati una serie di incontri che hanno lo scopo di mettere in contatto chi ha delle specifiche attitudini  e delle competenze in un determinato settore e chi vorrebbe avvicinarsi o quantomeno scoprire quello che si deve fare praticamente, i rischi a cui si va incontro e le opportunità che si possono incontrare. Come si accede a finanziamenti di bandi pubblici, come si fa il sapone in casa, come si crea una partita iva individuale e tanto altro ancora (QUI il programma completo)

Attraverso il trasferimento di esperienze e competenze, volevamo abbandonare la vecchia concezione di festival, basato su lunghissimi seminari seguiti da buffet, e accogliere la buona prassi europea in cui i possibili fruitori sono il centro dell’attenzione, incontri face to face capaci di stimolare il dibattito e approfondire la materia così da non avere dubbi e perplessità alla fine del percorso formativo.

I temi, volendo riassumerli, sono: Start-Up, Economia, Internet ma soprattutto i Processi fai-da-te e la produzione su larga scala con l’Export. Una serie di tematiche che per quattro giorni animeranno il centro storico della città di Cosenza  nella massima convinzione che attraverso la cooperazione e l’incontro sia possibile incoraggiare i partecipanti ad iniziare una nuova attività imprenditoriale. Le location individuate per la realizzazione del festival sono le attività commerciali in cui di solito ci si incontra: El Mojito, Beat, Caffè Renzelli e Caffè Telesio. L’ultimo giorno dedicato alla visita alla Cantina Colacino e la discussione della tematica direttamente negli spazi messi a disposizione dalla cantina.

La partecipazione agli incontri sarà del tutto gratuita e sarà possibile partecipare a tutti gli incontri che si avrà interesse di seguire. La gratuità e la condivisione di conoscenze sono i pilastri del Festival del fare e derivano dalla profonda convinzione che sarà possibile crescere e realizzare qualcosa di importante solo nel momento in cui fare rete sarà non soltanto uno slogan utile da utilizzare in determinate fasi di circostanza ma sarà modalità di lavoro. Pensiamo ad esempio che sognare un distretto industriale sostenibile nella città dove c’è uno dei più importanti campus della Penisola non debba essere proibitivo.

Vediamo come si fa.

adminwp

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>